De mooie zomer

De mooie zomer De mooie zomer bestaat uit drie novellen die draaien om de machteloosheid van jonge mensen hun onvermogen om deel te nemen aan het ingewikkelde spel der lusten waarnaar ze wel vurig verlangen Het is

  • Title: De mooie zomer
  • Author: Cesare Pavese Martine Vosmaer Anton Haakman Paolo Giordano
  • ISBN: 9789023490111
  • Page: 122
  • Format: Paperback
  • De mooie zomer bestaat uit drie novellen die draaien om de machteloosheid van jonge mensen, hun onvermogen om deel te nemen aan het ingewikkelde spel der lusten, waarnaar ze wel vurig verlangen Het is zomer in Turijn, bloedheet en broeierig In De mooie zomer bloost Ginia bij de gedachte dat haar vriendin Amelia naakt poseert voor schilders Ze zou net zo vrij willen zijnDe mooie zomer bestaat uit drie novellen die draaien om de machteloosheid van jonge mensen, hun onvermogen om deel te nemen aan het ingewikkelde spel der lusten, waarnaar ze wel vurig verlangen Het is zomer in Turijn, bloedheet en broeierig In De mooie zomer bloost Ginia bij de gedachte dat haar vriendin Amelia naakt poseert voor schilders Ze zou net zo vrij willen zijn als zij.De verteller van De duivel op de heuvels doet mee met zijn vrienden als die zich naakt en onder de modder koesteren in de zon, maar voelt zich een buitenstaander tussen die naakte lijven om hem heen En in Vriendinnen heeft Rosetta het moeilijk omdat ze zich niet kan losmaken van een troebele, naargeestige verliefdheid.

    One thought on “De mooie zomer”

    1. Quel libro che ti dimostra quanto Pavese fosse bisognoso di coccole.Come ha già detto qualcuno che conosco bene e che ama Cesare allo stesso modo, recensire un suo libro è inutile. Inutile perché tutto quello che c'è da dire, da comunicare, lo fa già lui. L'edizione Mondadori intitolata 'La bella estate', contiene in realtà tre romanzi brevi, originariamente pubblicati insieme e non separati, come ha fatto Einaudi (e qui c'è da fare i complimenti, per una volta, alla Mondadori). I romanzi [...]

    2. "لم تنم جينيا تلك الليلة، وكانت تثقلها الأغطية، لكنها فكرت بأشياء كثيرة، وكلما تقدم الليل، تأخذها الأفكار إلى منحى غريب. تخيلت أنها وحيدة في ذلك السرير المبعثر في زاوية استوديو غويدو، وأنها تسمعه من وراء الستارة، وأن تعيش معه تقبّله، وتطبخ له. من يدري من أين يأكل غويدو قبل أن [...]

    3. Terminata la lettura de "La luna e i falò", non ho potuto fare a meno di prendere "La bella estate" dallo scaffale della mia libreria per continuare a leggere questo poeta. La matita era sempre pronta tra le dita, perché quasi ad ogni pagina sentivo il bisogno di sottolineare, di rileggere mormorando tra me e me "Quanto è vero". Continuavo a meravigliarmi e a chiedermi come fosse possibile che un insieme di parole potesse essere così potente, così magico; di come le piccole cose, i pensieri [...]

    4. Jako lepo napisana pričica o odrastanju. Ne znam zašto , ali ovo me je podestilo na onaj naslov Moja genjalna prijateljica, jer sam ovako nešto očekivala u toj knjizi, ali verovatno ta knjiga samo tako izgleda u mojoj glavi. Možda otud jer su obe smeštene u Italiji. Tako da ako vam se nije svideo onaj bestseler (ništa ne pordaje knjigu tako dobro nego da vam kažu da je najprodavanija ) vi onda pročitajte ovo , jer po meni ova knjiga je skroz mogla prepisati taj naslov i ništa se ne bi [...]

    5. Abordare infantilă a condiției femeii în pragul maturității. Dacă ar fi fost scrisă de un contemporan, aș fi zic că e ceva specific (a trata subiecte sensibile în necunoștință de cauză), dar scrisă în 1949 fiind O steluță.

    6. Prima di tutto faccio un mea culpa, ho sempre pensato di malsopportare Pavese per via di una sfortunata relazione tra me e "La luna e i falò" che risale ai tempi della mia adolescenza, quando mi era facile giudicare di livello inferiore gli scrittori italiani senza far troppi complimenti, erano i tempi in cui avevo una fissazione per i classici francesi e tutto ciò che non era un romanzo mi sembrava sciocco. Guess what? La sciocca ero io. Tempo fa ho letto Lessico Famigliare, e in questa saga [...]

    7. Dat ik Pavese gelezen heb, komt door niemand minder dan Paolo Giordano, auteur van o.a. De eenzaamheid van de priemgetallen en onlangs nog Het zwart en het zilver, die ik allebei met heel veel plezier heb gelezen. Giordano heeft Pavese pas kort geleden (her)ontdekt en gelezen, hoewel ze quasi in hetzelfde dorp woonden en hij hem als kind mogelijk nog gezien heeft. 'Ik heb Cesare Pavese te laat leren kennen', schrijft hij in zijn voorwoord bij 'De mooie zomer'. Hij wilde hem niet lezen na een kwa [...]

    8. Bello, ça va sans dire, Pavese è sempre Pavese, anche quando vince il Premio Strega, e certe profondità non tutti sono in grado di sondarle.Oltre ai temi della verginità e dell‘innocenza, della festa e della morte di cui si può già leggere abbondantemente in giro, spicca il modo in cui vengono sviscerate - con delicatezza eppure con intensità - la stupidità e la presuntuosità tipiche dei sedici anni: il sentirsi immortali, il sentirsi come se l’estate non dovesse mai finire e tutto [...]

    9. La bella estate, nel complesso, è il racconto di una condizione continua di insoddisfazione, di ricerca della felicità, del male di vivere, di quel disagio che lo stesso autore non sarebbe riuscito a ricomporre e che lo avrebbe portato al suicidio il 27 agosto 1950. I tre racconti hanno ciascuno dei pregi che mi rendono difficile dire quale sia il migliore: La bella estate è quello con la vicenda più accattivante e il modo in cui Pavese tratteggia i vizi e il modo di lavorare degli artisti [...]

    10. Recuerdo que me encontraba yo solo en Soria, hace ya muchos años, de visita turística. Vi un puesto de libros de segunda mano y, sin saber muy bien por qué, pues no había leído nada de autor, compré la novela “El bello verano”, de Pavese, en una vieja edición de Salvat: lo leí de un tirón esa misma tarde sentado en un banco de un parque público, fascinado por sus historia y los personajes y enamorado hasta el tuétano de la sensible e inocente Ginia. Es de las pocas novelas que he [...]

    11. Mooi uitgewerkt verhaal over het ontwaken van seksualiteit in een zestienjarig meisje. Ze worstelt met de noodzaak om haar eigen normen op te rekken om vrouw te worden en tegelijkertijd de bijbehorende emoties onder controle te krijgen en te houden. En dat zonder gezichtsverlies. Bij voorbaat voor een zestienjarige een verloren strijd.Af en toe moest ik hele passages herlezen om te begrijpen wie wat zegt of waarom iemand op een bepaalde manier reageert. Ik vermoed dat het aan de vertaling ligt. [...]

    12. Konu bakımından zerre ilgimi çekmediğinden Pavese'nin başka kitaplarında buluşmalı belki deYazarı, Italo Calvino'nun kitaplarındaki biyografi kısımlarında tanıyıp biraz araştırmıştım ve bu ay için bir kitabını seçmiştim ama görüyorum ki yanlış bir seçim olmuş. Dilini beğenmiş olmama karşın konusunu biraz yavan buldum. Ya da ilgisiz kaldım demem daha doğru olur. Bu yüzden başka kitabıyla şansımı deneyeceğim.

    13. Ho adorato questo mio primo libro di Pavese. Ho adorato un po' il meno la brevità del romanzo E' riuscito però, a farmi sentire la calura estiva e al tempo stesso la spregiudicatezza e le paure di queste protagoniste.Mi spiace aver scoperto che questo scrittore morì suicida. Conto di leggere al più presto qualche altro suo libro. Era proprio bravo!

    14. “Ginia, onun hoşuna giden şeyleri anlatmasını dinlemek için üste para bile verebilirdi, çünkü gerçek samimiyet bir başkasının arzularını öğrenebilmektir ve arzular aynı olursa, o kişi artık pek heyecan uyandırmaz olur. Ama Ginia, akşamüstleri o sokak kemerlerinin altlarından geçerlerken, Amelia’nın da kendi baktığı şeylere baktığından emin değildi."

    15. Un parto. Un fottutissimo parto. E non sono nemmeno sicuro di cosa veramente questo libro mi abbia lasciato. Una tristezza immensa, un immenso fastidio, tanto che appena finito avevo voglia di buttarlo nel fuoco per esorcizzarlo, dimenticarlo.Sicuramente noioso. Sicuramente vuoto, insulso. Eppure evidentemente capace di tagliare, in qualche modo. Mah.

    16. Kitabın ana fikri ne? Pek anladım sayılmaz. Belki çeviriden dolayıdır ama kitap bana felaket sıkıcı geldi. Derdi tasası olmayan insanların yaşadığı bir köyde, gençlerin resim tutkusu, kıskançlıkları ve aşkları anlatılmış.

    17. En la novela de Pavese, se acaba el verano y empieza el invierno. El relato, sin embargo, te deja frío de principio a fin.

    18. La bella estateSe fosse solo per la lunghezza, sarebbe arduo definire romanzo questo lungo racconto scritto appena prima della seconda guerra mondiale, ma la storia che contiene è così ben conclusa in se stessa e ricca di sfaccettature nei personaggi da far dimenticare qualsiasi questione riguardante l’esiguo numero di pagine. Scorrendole, ci si appassiona al percorso di formazione della giovane Ginia dalla rigogliosa, ultima estate della sua giovinezza all’inverno dello scontento che la t [...]

    19. "Qualche volta pensava che quell'estate non sarebbe finita più, e insieme che bisognava far presto s godermela perché, cambiando la stagione, qualcosa doveva succedere."Bellissimo!

    20. Recensione su: verbocronia.wordpress/201Avevo in sospeso questo racconto lungo da un po'. Rimandavo sempre l'idea di leggerlo perché molti di coloro che lo avevano letto non erano stati convinti da questo Pavese. Invece, ancora una volta, Pavese mi stupisce per la modernità con cui affronta certi temi. Modernità, certo, che al tempo di Pavese forse faceva paura. Ginia, infatti, è una giovane come noi. Una persona che si lascia trasportare, che vuole essere condotta e che non conduce, resta l [...]

    21. This volume, originally published in 1949, includes three novels: “La bella estate” (written in 1940), “Il diavolo sulle colline”(written in 1948) and “Tra donne sole”(written in 1949). The experience of reading the three of them, and in sequence, enlightens recurring elements and the way each one feeds upon the precedent ones, almost indicating a line of evolution both in the narrative and its technical scope.The chapters are never long and, mostly, neither are the paragraphs nor th [...]

    22. Una raccolta di tre brevi romanzi di Cesare Pavese. Tutti i tre sono ambientati a Torino subito dopo la seconda guerra mondiale. Il piu bello e piu interessante (a causa dei personaggi e il trama)e il terzo, Tra Donne Sole, il quale mi ha fatto pensare ai film di Anontioni. Infatti, ho scoperto oggi che Tra Donne Sole e stata adattata da Antonioni per fare Le Amiche, girato nel 1955.

    23. "È bello svegliarsi e non farsi illusioni. Ci si sente liberi e responsabili. Una forza tremenda è in noi, la libertà. Si può toccare l'innocenza. Si è disposti a soffrire."

    24. I luoghi dei vizi e delle malinconie.Nella prefazione dell'edizione Mondadori Classici Moderni si può leggere che Pavese era uno scrittore scomodo nel suo secolo perchè aveva una personalità tutta particolare e complessa e i critici non hanno potuto recensirlo a dovere su tutti i temi delle sue opere.Cesare Pavese ha abbracciato la sua malinconia e la sua tristezza ed è tutt'ora la caratteristica essenziale e vitale che costituisce questo scrittore e, ovviamente, tutti i suoi scritti.Questi [...]

    25. Ho letto Pavese più di 10 anni fa (La luna e i faló). Non ero matura abbastanza per capire e apprezzare l'inestimabile valore di questo autore."La bella estate" parla di giovani, giovani di ieri, di oggi e di domani, in un linguaggio sempre attuale. Tutti abbiamo provato quei sentimenti, quei turbamenti, quelle sensazioni.

    Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *